Un’epopea chiamata LAUREA SPECIALISTICA

Dopo una quantità non numerabile di giorni trascorsi davanti al computer per la stesura dell’elaborato e dopo una quantità minore – seppur costosa – di viaggi in treno verso Roma, pare che a laureo mi marzo. O che a marzo mi laureo. Un po’ tutte e due, dipende dalla vostra salute mentale (la mia è in equilibrio precario). Rincorrere professori e scadenze è uno sport fin troppo sfiancante in Italia. Quindi, sebbene non starò qui a raccontarvi nel dettaglio quanto sia stato faticoso,  non me ne vogliate se paragono gli ultimi sei mesi di studio a un’epopea. Essendo affezionata a Tolkien mi sento un po’ Frodo anch’io, con una tesi da portare a Mordor e da bruciare nel monte Fato, quello che c’è all’università La Sapienza (sono certa che lo conoscono in molti).

A dirla tutta, la tesi non verrà bruciata affatto. Anzi. Essendo un’analisi dell’editoria italiana contemporanea e dell’impatto che il self-publishing ha portato nel settore, intendo auto-pubblicarla. Dopo la discussione – come ho già anticipato su diversi social – prenderò contatto con la piattaforma che ho già individuato e procederò con la pubblicazione e la diffusione gratuita in formato digitale, che ci piace tanto. Intanto, andrò avanti con i nuovi progetti in corso. Dove eravamo rimasti?

  • Il mio secondo romanzo è concluso, e un giorno scriverò un racconto su come è nato e come è stato scritto. Altro che epopea. Non vi anticipo null’altro se non il genere, fantasy, con la decisione che anche i miei prossimi progetti andranno in questa direzione. Non mi sento ancora pronta per tematiche differenti e più realistiche, ma non mi precludo la possibilità di sperimentare nuovi generi in futuro, quando la mia scrittura sarà maturata ancora di più grazie al dono dell’esperienza.
    Come pubblicherò? Bella domanda. La tentazione di lanciarmi ancora una volta con il self-publishing è forte. Tuttavia, ho una serie di idee per la promozione del libro che rischierebbero di essere indebolite se pubblicassi in primavera. Da qui, la decisione di proporre il romanzo a poche CE durante i prossimi mesi e la pianificazione di una campagna di comunicazione (prevista per il prossimo autunno) nel caso non ottenessi alcuna proposta. Qualora andasse in porto quest’opzione, sentireste parlare del mio nuovo romanzo a partire dal mese di settembre.
  • E intanto? Come solito, non me ne starò con le mani in mano. Di recente ho scoperto che mio padre ha un talento incredibile: il disegno. Mi era già nota la sua vena caricaturale, ma non avevo capito fino a che punto fosse capace di disegnare finché mia nonna non ha ritrovato un vecchio fascicolo, risalente a un periodo in cui la mia presenza su questo mondo non era neppure in programma (i primi anni ’80). Mio padre è un uomo tranquillo, ama i videogames e odia la politica italiana. Disegna con aria attenta e pacifica, ma come se fosse sotto effetto di LSD. Quindi, ho intenzione di ingaggiarlo.
    Molti di voi conoscono già la mia passione per i manga. Qualche anno fa, ideai un soggetto per un fumetto comico che adesso intendo approfondire perché lui possa disegnarlo. Non ho idea di quanto tempo ci vorrà né di come si faccia, ma il bello delle sfide è proprio il salto nel buio, coi brividi che ne conseguono.
  • Infine, parte la progettazione del mio futuro terzo romanzo (se consideriamo la tesi come un saggio) e l’accumulo di taccuini in carta riciclata in camera mia. Sempre di genere fantasy, ma con un progetto alla base molto più complesso.

Ah, giusto. Durante tutto questo, lancerò il mio CV in giro per l’Italia e il mondo. Ora che mi laureo in Scienze Specialistiche della Sopravvivenza presso l’Università degli Studi di Mordor, è tempo di trovare un lavoro con le palle.

E’ stato un piacere tornare a scrivervi 🙂 aspetto i vostri commenti all’articolo per sapere cosa ne pensate e come ve la passate!

D. A.

Annunci

Informazioni su Daniela Apparente

Writer, reader, gamer, traveler, eater.
Questa voce è stata pubblicata in Avanti tutta: DIARIO DI BORDO e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Un’epopea chiamata LAUREA SPECIALISTICA

  1. Rita ha detto:

    Fiera di te
    Meriti tantissimo ❤️

    Mi piace

  2. Antunia ha detto:

    Tante soddisfazioni per un percorso concluso. E sicuramente tante soddisfazioni e gioie ce le regalerai con i tuoi prossimi lavori 🙂

    Mi piace

  3. Pingback: “Self-publishing: nuovi scrittori per vecchi editori?” – online, gratis! | Colazione Internazionale

  4. Pingback: Bonjour, buenas dìas… buongiorno! Donde yo estaba & où je suis maintenant | Colazione Internazionale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...