Personaggi CoIn: ELLIE WALSH

Chi sto per presentarvi, viene direttamente dalle sconfinate lande di origine celtica. Le stesse spacciate da Hollywood e compagnia per territori scozzesi, pur di far scorrazzare Mel Gibson lungo le vallate con le chiappe al vento. Le stesse in cui sono stati lanciati Arya Stark, i fottuti Lannister e tutti gli amici frutto dell’inquietante sadismo di George R.R. Martin.

Ellie

Ha i capelli rossi a caschetto e due occhioni blu da far invidia al Cuore dell’Oceano, il gioiello del film Titanic. Se aveste la fortuna di conoscere Ellie Walsh, vi sciogliereste nell’osservare questa dolce ragazza del Galway. Allo stesso modo, sorridereste nel vederla attaccata a una bottiglia di birra mentre gioca a un FPS – Call of Duty style – e impreca contro i bug del momento.

Ellie viene dall’Irlanda, per arrivare dritta al cuore di chi le sta intorno. Allegra, piena di energie e con una fame spaventosa, orbita intorno ai suoi amici come un uragano di freschezza. Inevitabile esserne travolti. Molto legata alla sua famiglia, scopre la piccola tribù che nasce intorno al focolare del n.16 di Perrin’s Lane e ci si affeziona come farebbe un bambino con il suo primo peluche. Intanto, prosegue testarda per la sua strada: progettare videogames per una nota casa video-ludica di Londra.

“«Sono contenta di averti incontrata» mi disse.
«Sai, sono molto unita alla mia famiglia e qui temevo di potermi sentire sola. Con te non accade mai! Non dovresti avere paura di mostrare quello che hai dentro agli altri, né al resto del mondo. Chiunque custodisca qualcosa di così forte dentro di sé… credo dovrebbe fare di tutto perché tutti possano sapere che esiste. Prendilo come un dovere, è anche questo fare del bene. Il mondo ha bisogno di emozioni genuine e primitive.»”

A poco a poco, in maniera naturale e impercettibile, Ellie diventa la miglior amica di Gloria. E’ ormai noto quanto scettica, scazzata e pessimista sia la protagonista di Colazione Internazionale, ma… con lei c’è ben poco da fare: la ragazza del Galway le vede attraverso, e capisce da subito la necessità di sciogliere la Fortezza della Solitudine in cui si è nascosto il suo animo. Con complicità, affetto e comprensione. E quante birre bastano a farla crollare.

Curiosità: la Naughty Frog, casa di produzione video-ludica citata nel romanzo, è – come molti avranno intuito – ispirata alla realmente esistente Naughty Dog, azienda statunitense produttrice di videogames famosa in tutto il mondo. E non a caso: ha sfornato alcuni dei capolavori che hanno segnato intere generazioni, inclusa la sottoscritta. A partire da Crash Bandicoot, Jak and Daxter, Uncharted e The Last Of Us (che ha fatto perdere a me e molte altre persone ore e ore di sonno e sanità mentale, tale era la bellezza del prodotto).

Volete scoprire di più su Ellie e la sua “sindrome nerd”? Stappate una Guinness ghiacciata e… leggete “Colazione Internazionale”!

Prossimo personaggio CoIn: Ace… il ragazzo che preferisce le finestre alle porte di casa!

Annunci

Informazioni su Daniela Apparente

Writer, reader, gamer, traveler, eater.
Questa voce è stata pubblicata in CoIn: characters e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...